logoitis

Alternanza Scuola Lavoro

aslveneto
Cos'è l'Alternanza Scuola Lavoro ?
L’Alternanza Scuola Lavoro (ASL) è un percorso che lo studente segue durante tutto il triennio. Esso comprende numerose attività in cui la didattica in classe si integra e si alterna con il mondo del lavoro. Tra queste attività ci sono incontri con rappresentanti di categoria, laboratori con tecnici specializzati, visite aziendali, momenti di formazione su tematiche del mondo del lavoro (contrattualistica, salute e sicurezza, …), progetti in collaborazione con enti esterni e aziende, orientamento in entrata e in uscita. Il momento centrale del percorso di Alternanza Scuola Lavoro è il tirocinio durante il quale, affiancati da un tutor aziendale, si entra in azienda e si svolgono le mansioni previste nel progetto formativo.
E' l'occasione per conoscere il mondo del lavoro nel settore in cui ci si sta specializzando, approfondire le conoscenze acquisite a scuola e impararne di nuove.
L'ingresso in azienda può avvenire durante l'anno scolastico, alternandolo con le lezioni in classe; oppure, più spesso, è un periodo continuativo (il tirocinio) di 3 o 5 settimane durante i mesi estivi del quarto anno. Il tirocinio è preceduto da un percorso di preparazione e seguito dalla relazione di tirocinio presentata alla classe e al consiglio di classe.
Stage, tirocinio o Alternanza Scuola Lavoro ?
Lo stage (o tirocinio) è il periodo che si passa in azienda, durante l'estate del quarto anno. L'ASL (Alternanza Scuola Lavoro) è un progetto triennale, molto più articolato, in cui la didattica in classe e l'esperienza lavorativa si integrano. Il tirocinio è la parte centrale dell'ASL in classe quarta.
"L’Alternanza non è stage, se si considera lo stage un periodo isolato di inserimento in un ambiente lavorativo, slegato da ogni percorso formativo e scolastico. L’Alternanza Scuola-Lavoro non si riduce alla realizzazione di uno o più stage. Essa costituisce una vera e propria combinazione di preparazione scolastica e di esperienze assistite sul posto di lavoro, predisposte con la collaborazione del mondo dell’impresa per mettere in grado gli studenti di acquisire attitudini, conoscenze e abilità per l’inserimento e lo sviluppo della loro professionalità."
tratto dal portale della Camera di Commercio vai alla pagina dedicata
Il percorso di ASL è obbligatorio o è facoltativo?
il percorso Alternanza Scuola Lavoro è obbligatorio per le classi terza, quarta e quinta di tutte le scuole di istruzione superiore d’Italia sulla base della legge 107/2015.
Come faccio a raggiungere le 400 ore di ASL previste dalla legge 107/2015?
La scuola mette a disposizione un ventaglio di attività ed esperienze per almeno 400 ore totali durante il triennio di specializzazione. La proposta è indicativamente di 120 ore in terza, 230 in quarta e 50 in quinta. Alcune si svolgono in orario curricolare (visite aziendali, corsi di formazione sulla salute e sicurezza, incontri con esperti del mondo del lavoro, full immersion in inglese, lezioni o laboratori su argomenti legati al mondo del lavoro, etc.), altre si svolgono in oario extracurricolare (progetti, tirocini, laboratori extra, conferenze serali, certificazioni etc.).
Quante ore di assenza sono tollerate nel percorso di ASL?
Nel corso del triennio è previsto che siano svolte almeno il 75% delle 400 ore totali di ASL, ovvero 300.
Come faccio la richiesta di tirocinio?
Va specificato che il tirocinio estivo è proposto per i ragazzi di classe quarta. Per i ragazzi di terza sono organizzati dei laboratori interni alla scuola in collaborazione a ditte esterne. I docenti incaricati per ogni specializzazione sono i seguenti:
Informatica: prof. Luca Battistin
Chimica: prof. Alberto Fornasa Biotecnologie: prof. Mario Barbieri
Elettronica : prof. Michele Grigolato
Tessile e Moda: prof. Luigi Visonà
Se un ragazzo di terza in modo autonomo trova l'azienda (diversa da quelle con cui storicamente collaboriamo - vedi home page) che lo accoglie per lo stage porterà al proprio coordinatore di classe per l'ASL i dati per l'organizzazione dello stesso:
terze Informatica: prof. Giuseppe Andricciola
terza Chimica: prof. Alberto Fornasa terza Biotecnologie: prof. Mario Barbieri
terza Elettronica : prof. Michele Grigolato
terza Tessile e Moda: prof. Luigi Visonà
Quanto dura il tirocinio, quando comincia?
Il tirocinio in azienda dura dalle tre alle cinque settimane. La scelta dipende pricipalmente dallo studente ma può essere influenzata anche dalla ditta ospitante. Il tirocinio inizia indicativamente l'ultima settimana di scuola; ovvero nei pirmi giorni di giugno
Chi può fare richiesta di tirocinio?
Il progetto ASL è rivolto alle classi terze, quarte e quinte. Il tirocinio è rivolto a tutti gli studenti di classe quarta. Nel caso le richieste superino il numero di posti disponibili, si stila una graduatoria di merito.
Si guadagnano dei soldi?
La caratteristica fondamentale dello stage è che si tratta di un contratto che NON costituisce rapporto di lavoro. Pertanto, al tirocinante non spetta alcuna retribuzione.
Perchè dovrei fare il tirocinio?
Perchè è un'esperienza molto formativa, di complemento a quanto imparato in classe. Durante lo stage si imparano molte cose sia dal punto di vista tecnico-professionale, sia dal punto di vista delle relazioni umane. Oltre a ciò dà un credito formativo e arricchisce notevolmente il proprio Curriculum Vitae.
Posso scegliere la ditta in cui fare il tirocinio?
L'abbinamento tra la ditta ospitante e lo studente è fatto sulla base di diversi criteri quali la distanza, il numero di settimane richieste, la possibilità di spostarsi da parte dello studente, le attitudini dello studente, la graduatoria di merito. Nel caso però lo studente abbia un contatto diretto con un'azienda (ad esempio perchè conosce personalmente un dipendente) può attivarsi e fornire tale contatto al docente responsabile.
Chi è il docente responsabile?
Il docente responsabile del progetto Alternanza Scuola Lavoro e, in generale, dei rapporti con il territorio e le aziende per l'a.s. 2016-17 è il prof. Alberto Fornasa contattabile all'indirizzo lavoro@itismarzotto.it
Per ogni specializzazione comunque, vi sono dei docenti referenti.
Informatica: prof. Luca Battistin
Chimica: prof. Alberto Fornasa Biotecnologie: prof. Mario Barbieri
Elettronica : prof. Michele Grigolato
Tessile e Moda: prof. Luigi Visonà
Cosa si fa durante il tirocinio?
Si svolgono mansioni lavorative inerenti alla specializzazione scolastica del proprio corso di studi e che sono preventivamente concordate tra scuola e azienda nel progetto formativo. Tali mansioni hanno il duplice scopo di approfondire le conoscenze e competenze acquisite a scuola e di fare esperienza diretta del mondo del lavoro. Una mansione tipica è quella di affiancare il tutor aziendale e aiutarlo nel suo lavoro, ma ci possono essere anche dei piccoli progetti che lo stagista porta avanti in modo autonomo, seppur sempre supervisionato dal tutor aziendale.
Quante ore al giorno si lavora?
L'orario di lavoro è quello dell'ufficio o del settore in cui si è inseriti. Tipicamente 8 ore al dì per cinque giorni alla settimana. Vi sono uffici comunali o esercizi commerciali che hanno scansioni orarie diverse ma l'ammontare settimanale dovrebbe rimanere tra le 30 e le 40 ore settimanali.
Cos'è il progetto formativo?
E' un documento in cui sono evidenziati gli obiettivi del tirocinio e le competenze che intende trasmettere, nonché le attività previste per l'acquisizione di tali competenze da parte del tirocinante. Il progetto formativo, da stipularsi prima dell'avvio dello stage, contiene inoltre le seguenti informazioni: i dati del tirocinante e del soggetto ospitante, la durata, il periodo e la sede di tirocinio, i tempi di accesso ai locali aziendali, i nominativi del tutor didattico-organizzativo e del tutor aziendale e gli estremi delle polizze assicurative (il tirocinante è infatti assicurato contro gli infortuni e per responsabilità civile verso terzi). Il progetto formativo va firmato da ciascuno dei soggetti coinvolti nel tirocinio: soggetto promotore, soggetto ospitante e tirocinante (nel caso di tirocinante minorenne, serve anche la firma di un genitore). E' stilato in due copie: una rimane all'ente ospitante, l'altra alla scuola. Oltre al progetto formativo la documentazione prevede anche la "Convenzione" tra la scuola e l'ente ospitante, anch'essa un duplice copia. Nella sezione "docs" si possono vedere i fac simile.
Come viene valutato il tirocinio?
All'inizio del quinto anno (tra ottobre e novembre) una commissione del consiglio di classe valuta l'esposizione del percorso di ASL di ogni studente che si concentrerà principalmente sul tirocinio. All'esposizione partecipano tutti gli studenti della classe così che l'esperienza di uno diviene esperienza condivisa. La commissione è composta dal tutor scolastico, un docente di specializzazione, un docente di lingua inglese. Ogni candidato avrà a disposizione 10 - 12 minuti per l' esposizione + 5 minuti per domande da parte della commissione. Dovrà utilizzare una presentazione suddivisa, indicativamente in: 1 slide di sintesi di tutto il percorso, 2 slide di presentazione della ditta nel suo complesso; 3 slide di presentazione del settore della ditta in cui si è svolto il lavoro; 6 slide Attività svolta; Una slide per le Considerazioni personali. 3 slide tra le precedenti devono essere in lingua inglese (così come la loro spiegazione). La valutazione, che terrà conto anche della valutazione del tutor aziendale, porterà, in caso di ammissione agli esami, ad un incremento della media voti fino ad un massimo di 0,5
Come si pronuncia "stage"?
La parola STAGE è di origine francese e quindi si pronuncia Stàʒ. La pronuncia all'inglese (stéιdʒ) è fortemente sconsigliata - anche se non ci formalizziamo - sia perchè lo stéιdʒ anglosassone è il palcoscenico sia perchè in inglese lo stage (stàʒ) si dice "training course". Si potrebbero evitare complicazioni chiamandolo all'italiana, ovvero "tirocinio", ma ormai il termine stage si è imposto.